12 novembre 2007

L'idiozia di alcuni tifosi...e la saggezza di altri

Ci risiamo. I "Tifosi" non cambiano mai. Per fortuna che non sono tutti uguali.

Cosa è successo ieri, in poche parole? Un teppista che stava distruggendo un autogrill assieme ad altri mentre si scontrava con un altro gruppo di teppisti è morto durante uno scontro con la Polizia. Tragica fatalità probabilmente, ma nulla di diverso da quanto succede continuamente nelle strade. Purtroppo la Polizia si trova ad usare le armi, e a volte può succedere che il malvivente ha la peggio. Meglio lui che un Poliziotto dico io. E mi assumo le responsabilità di quanto dico.

Ah... piccolo dettaglio: il teppista aveva una sciarpa di una squadra di calcio al collo...quindi viene definito da alcuni "tifoso".

E questo dà il diritto a tutta un'altra serie di teppisti con sciarpe al collo (quindi "tifosi") di cominciare ad attaccare le forze dell'ordine in tutta Italia.

Assurdo. Letteralmente assurdo.

Poi c'è chi addirittura comincia a dire che è colpa della Polizia, che il calcio deve fermarsi... fermarsi? No, deve lasciare a casa questi teppisti. Impedirgli di entrare negli stadi, impedirgli di manifestare (contro la Polizia, ma siamo impazziti???). Questi teppisti vanno arrestati, punto. E il calcio deve andare avanti SENZA DI LORO.

La speranza per un domani migliore c'è... prendo ad esempio alcune testimonianze presenti sul sito Fiorentina.it. Leggetele...e continuiamo a sperare in un domani senza teppisti.

Anche nel cuore della tifoseria della Fiorentina non tutti la pensano nello stesso modo. L’ennesima e, forse, più esaustiva dimostrazione di come anche nel popolo viola che c’è tifoso non lo è davvero si è avuta a margine della gara di ieri fra Fiorentina e Udinese. Poche ore prima l’annuncio della morte di Gabriele Sandri, il tifoso laziale ucciso nei pressi di Arezzo sull’autostrada A1, aveva rovinato quella che doveva essere una normale domenica di sport. C’è chi voleva fermare tutto e chi no. Differenze d’opinione rispettabili, da condividere o da discutere. Alcuni personaggi della Fiesole però, sono andati oltre. Evitata la presa consueta dei posti in curva, dando inizialmente la parvenza di una scelta dovuta al non accordo con la decisione di far scendere in campo le squadre nonostante tutto, questi “figuri” hanno cercato di guidare dal basso tutto il settore in una serie di cori offensivi ed ingiuriosi nei confronti delle forze dell'ordine. Cori che niente avevano a che fare con la gara in corso ne con quello accaduto a pochi chilometri di distanza dal capoluogo toscano. Si è trattato di un puro e semplice attacco alla polizia. Il resto del popolo della curva però ha detto no. Si è rifiutato di adempiere a quella terribile commissione ed ha continuato ad incitare la squadra in campo. Le male parole sono volate in quantità industriali e le mani si sono alzate in aria per poi cadere su chi non voleva porgere il fianco a quegli attacchi. Tifosi viola contro tifosi viola. Nel giorno della prima sconfitta stagionale della Fiorentina, forse Firenze e tutto il mondo viola ha perso molto di più.

Un tifoso

Salve a tutti, mi dispiace risentirci per questa occasione ma ecco quello che è successo in fiesole.
Ero a vedere la partita lato maratona nelle prime dieci file.
Inizia la partita e sotto la curva si forma un capannello di circa 200 persone, ma definirli ,,,,,,,, sarebbe più corretto, che voltano le spalle al terreno di gioco e iniziano a far partire cori contro le forze dell'ordine. In un primo momento il resto della curva non fa niente e anzi qualcuno gli va pure dietro.
Poi la situazione inizia a peggiorare nel senso che a partita in corso inizia a partire qualche timido coro a sostegno della squadra dal resto della curva. E succede il finimondo.
Alcuni si limitano ad infamare chi vuole sostenere la squadra, altri iniziano a salire le scalinate e a minacciare chi stava cantando. Al centro della curva vengono picchiati anche un paio di tifosi.
E gli stewart? Gli stewart pensano bene di andarsene! Dovrebbero essere li a garantire l'ordine ma se ne vanno e la curva rimane ostaggio di questi 200 teppisti che per tutto il primo tempo continuano a minacciare quelli che si azzardano a sostenere la squadra.
Al pareggio della Fiorentina, quando tutta la curva inizia ad infamarli e a mandarli a quel paese, iniziano a levare gli striscioni e qualcuno se ne va. Nel secondo tempo restano in una ventina.
Forse l'unica cosa positiva di questa giornata è che tutta la curva li ha fischiati e infamati e ha provato a sostenere lo stesso la squadra nonostante il clima da regime. La gente non cantava per solidarietà con gli ultras, non cantava perchè aveva paura.
Spero che Mencucci faccia quello che ha promesso
Saluti.
Filippo

Causa lavoro arrivo più tardi in fiesole, verso le 14 e 20... ma mi accorgo subito che nella zona del collettivo (io sto sopra il fiorenza...) non c'è nessuno... le gradinate son vuote... mi chiedo il motivo... ma non me ne preoccupo più di tanto... ci sono i nomi sullo schermo, e la curva risponde, come sempre... poi il buio, o meglio il silenzio... la curva fiesole decide di fare protesta contro la polizia non cantando oggi... la reputo un immane cazzata (scusate) per il semplice fatto che si sarebbe penalizzata solo e soltanto la squadra... io da solo, cerco di ravvivare qule gruppo di persone che ho intorno e a volte anche tutto il settore cantava sotto le mie parole... non sono sceso in balaustra a fare il vero capopopolo per il semplice motivo che quelli del Collettivo e di altri gruppi (se volete li indentifico tutti) minacciavano la curva in ogni modo, per non farla cantare... e se percaso partiva un coro o un'esultanza (gol di pazzini) ci applaudivano ironicamente come a dire bravi stronzi (riscusate...)... a un certo punto... due gruppi di viola club diversi o dello stesso (su questo non posso esser preciso) hanno cominciato una mega rissa, prima sulla "piazzola" dove di solito --------- e poi sotto... per il futile motivo di girare gli striscioni, in senso di protesta... non ho le foto di ciò solo per il fatto che a me interessava vedere la partita...  vedo tutti gli stuart (come si scrive un lo so, ma a fine gara ho infamato anche loro...) andare sotto la curva, e io, ingenuo, penso che andavano a calmare gli animi, o almeno a farsi vedere... invece hanno fatto un fuggi fuggi impressionante... ma io, che cantavo, e venivo minacciato, da chi dovevo esser protetto se qualcuno di quegli imbecilli veniva a tirammi??? proprio non lo so, meno male che avevo Ricardone dietro di me, 1 metro e 95 pe' 150 kg, non so se mi spiego... per il resto della gara molti se ne sono andati, forse quelli che volevano gli striscioni esposti, non so, altri son rimasti a sedere sulle gradinate dietro il parterre spalle alla porta... Spero di essere stato il più chiaro possibile, ovviamente vi ometto tutte le mie urla contro l'arbitro, l'udinese, montolivo, e quegli ,,,,,, (scusate di nuovo) che mi infamavano solo perchè volevo cantare... un saluto viola...

Peter Pan

5 Responses to “L'idiozia di alcuni tifosi...e la saggezza di altri”

king ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Anonimo ha detto...

caro magobone, sono PAUL.
è difficile in certe situaizoni non cadere nei luoghi comuni, pertanto spero di non essere frainteso.
penso che shierarsi son i teppisti o con i poliziotti sia la cosa piu sbagliata che si possa fare. O meglio: continuando così sarà sempre tutto uguale.
dobbiamo invece riflettere su tante cose, ma in particolare sul perchè in un paese dove nelle due metropoli roma e mialno ieri sera vengono assaltate le questure, oggi in parlamento ci si scanni sulla legge elettorale e cioè sul come spartirsi le poltrone alle prossime elezioni!
e non so se è un bene o un male, perchè in altri paesi quello che è successo ieri poteva essere un detonatore per far esplodere qualcosa di più grave....l'insoddisfazione, la rabbia sonon sentimenti diffusi in italia....
se pensiamo che sia un problema del calcio sbagliamo tutto

Magobone ha detto...

Assolutamente daccordo con te Paul. Ma resta il fatto che se lasciamo che questi teppisti vadano in giro gridando cori ingiuriosi contro le forze dell'ordine facciamo comunque qualcosa di sbagliato. Il malcontento c'� e le ragioni non sono certo da ricercare nei teppisti, ma nella pochezza istituzionale in cui ci troviamo. C'� sfiducia perch� quelli che ci governano non danno un'immagine forte. Se chi ci governa ci sembra debole e insignificante, ovvio che poi gente come questa se ne approfitta...

caro bone, mi aspetto una modifica del post, visto quanto emerso dalle indagini (il "teppista" era in macchina, il poliziotto da 60 metri ha mirato a braccia tese, ...)

Sei sempre il solito vecchio fascio, dico io. E mi assumo la responsabilità di quanto detto.

ps. Ma è passato il tuo compleanno, vero? AUGURI vecchio amico mio.

Magobone ha detto...

Caro Alessio, aspettatela pure ma non succederà. Il succo è lo stesso.

Quanto è successo negli stadi e nelle città italiane non sta nè in cielo nè in terra. Nemmeno se un poliziotto avesse sparato puntando alla tempia di un bambino in fasce. Che venga punito il poliziotto, ma non cambia nulla.

Quelli sono solo idioti.

 
© 2009 Magobone. All Rights Reserved | Powered by Blogger
Design by psdvibe | Bloggerized By LawnyDesignz | Distributed by Deluxe Templates